La instabilità delle travi reticolari miste autoportanti

Categoria: La instabilità delle travi reticolari miste autoportanti
Immagine:


la copertina del libro

Autori: F. Trentadue, G. C. Marano, G. Quaranta e E. Mastromarino
Anno di pubblicazione: 2011
ISBN: 978-88-903782-2-5
Caratteristiche tecniche:
  • volume formato 16,7 x 24,0 cm composto da 206 facciate interne stampate a 4+4 colori su carta patinata opaca da 130 gr/mq
  • copertina a colori con plastificazione lucida su carta patinata opaca da 250 gr/mq
  • confezione: cucitura a filo refe
Descrizione:

Il volume offre una trattazione organica dei fenomeni di instabilità strutturale con riferimento a questa tipologia di crisi riferita alla fase autoportante delle travi reticolari miste come definite dalle Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14/01/2008) nel paragrafo 4.6. Partendo da una analisi degli elementi essenziali della Teoria della Stabilità, il testo dà ampio spazio allo studio per via numerica ed analitica dei fenomeni di instabilità riguardanti le strutture reticolari utilizzate per realizzare una particolare classe di travi miste acciaio-calcestruzzo. Per questa speciale tipologia di travi, dopo una valutazione puntuale dei possibili modi critici che possono manifestarsi, il volume presenta un’attenta analisi del fenomeno di instabilità flesso-torsionale proponendo una validazione mediante il metodo agli elementi finiti di un approccio analitico semplificato. Come supporto alla progettazione viene presentato un quadro delle verifiche di stabilità degli elementi secondo quanto previsto dalle Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14/01/2008) e dagli Eurocodici Strutturali. Il testo è rivolto sia a professionisti che si confrontano con questo nuovo sistema costruttivo, sia agli studenti delle facoltà di ingegneria e architettura che si avvicinano allo studio della teoria non lineare delle strutture miste reticolari in acciaio e calcestruzzo.

Download anteprima PDF: download pdf

Ultime notizie

Le ultime novità di Waveng:
Tecniche istochimiche ed ultrastrutturali in libreria
È disponibile in libreria "Tecniche istochimiche ed ultrastrutturali" per gli studenti dei corsi di Biologia.
Eseguito il monitoraggio strutturale del Colosseo
Monitoraggio del comportamento dinamico, come supporto alla definizione degli interventi di restauro e consolidamento dell’edificio. Per stabilire la portata del disturbo causato dal traffico nei dintorni dell'anfiteatro si utilizza il sistema di monitoraggio THOR.
l progetto di una rete per il monitoraggio dinamico del ponte girevole San Francesco da Paola a Taranto
Il monitoraggio strutturale dei ponti quale strumento a supporto della gestione delle reti di trasporti, indispensabile base di informazioni necessarie a progettare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e di adeguamento o miglioramento.
La pagina di Shop Eyes è online
Shop Eyes è un sistema semplice e compatto che permette il conteggio e il tracking dei volti presenti nell'area di interesse.